Navigazione

  • home
  • destinazioni
  • cosa vedere
  • shopping
  • contatti
  • twitter
  • facebook

giovedì 21 agosto 2014

Collezione di sabbia

Collezione di sabbie

Molti sono incuriositi dalle case dei viaggiatori. 
Le case coloniali, che a me affascinano molto, sono piene di oggetti curiosi provenienti da località esotiche. 
Nel nostro piccolo casa nostra conserva qua e là piccoli indizi dei nostri viaggi. 
collezione di sabbie
Naturalmente dietro ogni vasetto c'è l'indicazione geografica della provenienza della sabbia.

E oltre a foto, souvenir, stoffe e dipinti c'è una collezione di sabbie. Le abbiano raccolte durante i nostri viaggi.
E siccome so che molti di voi hanno una mentalità green, rispettosa dell'ambiente e amante del DIY  (fai da te) potrebbe interessarvi il modo che ho escogitato per conservare la nostra raccolta di sabbie.
Lo ammetto, ho sbirciato in rete ma non mi sembravano granchè.

collezione di sabbie

La struttura per la collezione di sabbia è tutta all'insegna del riciclo:
- le sabbie sono conservate in ex vasetti dello yogurt (di vetro)
- i ripiani sono vecchie doghe di una rete di materasso singolo
- i sostegni sono chiodi
Io sono un'amante del "fai te", variante molto meno faticosa dell'ormai obsoleto "fai da te", e che per quel che mi riguarda dà risultati decisamenti migliori.
Quindi ricapitolando vantaggi del "fai te":
- meno fatica
- migliori risultati
Unica difficoltà: trovare qualcuno disposto a fare il lavoro. Se a differenza nostra non avete la fortuna di avere un maestro del ferro battuto disponibile a lavorare gratis (scusate ma il ringraziamento era dovuto), il problema si risolve facilmente rivolgendosi a un artigiano.
I riccioli laterali e l'arabesco superiore sono fatti interamente a mano (tondino e piattina di ferro) con incudine e martello.
Un nuovo modo per reinterpretare il ferro battuto.
E i vostri angoli di viaggiatori quali sono?



4 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie! Siamo curiosi di vedere altri angoli di casa dedicati ai viaggi, il tuo com'è? :)

      Elimina
  2. Bellissima idea!! Io ho una cartina geografica del Mondo su cui segno con dei brillantini i posti in cui sono stata, e poi ho le guide della LP impilate in una specie di mensola "invisibile", molto "fai te", nel senso che l'avevo trovata a 12€ l'una e sono andata dal ferramenta e me la sono creata a 2€+un fermacapelli (è la foto di Kurosuke della pagina Chi Siamo, ne vado molto orgogliosa, e anche a lui sembra piacere xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì! Avevo visto la foto di Kurosuke che riposa in cima alla torre di Lonely Planet. Bellissimo. PS. Ma ti trovi bene con le Lonely Planet Incontri? Io le ho usate ma ritengo che debbano essere affiancate a qualche altra guida. Vorrei dedicare una pagina del blog ai "viaggiangoli". Ti va di mandarmi una foto del tuo e condividere l'iniziativa?

      Elimina

Social sharing

Se hai trovato l'articolo utile e interessante, ricorda che puoi seguirci
facendo click su uno di questi bottoni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...