Navigazione

  • home
  • destinazioni
  • cosa vedere
  • shopping
  • contatti
  • twitter
  • facebook

lunedì 20 febbraio 2012

Beghinaggio di Bruges - Begijnhof Bruges

Come già detto in questo post sul beghinaggio di Amsterdam, le beghine erano un ordine cattolico di donne nubili o vedove (in seguito alla morte degli uomini nelle crociate) che si unirono per sostenersi a vicenda facendo voto di obbedienza e castità ma rifiutandosi di vivere in povertà, guadagnandosi da vivere lavorando.
beghinaggio di Bruges


 Anche se talvolta il termine beghina viene usato in senso dispregiativo, a mio avviso si possono considerare come femministe ante litteram. Questo perché per prime decisero di vivere senza gli uomini, di lavorare e mantenersi col proprio lavoro, trovandosi addirittura a scontrarsi con la corporazione dei follatori (La follatura è un lavoro che consiste nell'infeltrire i tessuti di lana per renderli impermeabili: lo stesso processo che si usa per produrre il loden). Queste donne, quindi, andarono contro le regole medievali e per la prima volta si ribellarono a un sistema che voleva che le professioni potessero essere esercitate soltanto da membri di una corporazione a cui potevano affiliarsi soltanto individui di sesso maschile.
religiosa nel beghinaggio
Le beghine non se la passavano affatto male. Vi mostro la casa (ora trasformata in museo) dove viveva una sola beghina.

 L’intera foto comprende il lato della singola abitazione
casa di una beghina
Nel mezzo, dietro il muro basso, c’è questo chiostro
chiostro nel begijnhof
Nella prima struttura sulla sinistra c’è la cucina
cucina di una begina
Con la sala da pranzo
interno del beghinaggio
Nella struttura a sinistra c’è la camera
come vivevano le beghine
La visita è molto suggestiva, sembra di calarsi in un altro tempo, ci sono ancora delle religiose (una s'intravede anche nella seconda foto) che vivono all'interno. Si respira un'atmosfera di pace e viene voglia di fermarsi.

Un suggerimento di lettura fumettoso per calarsi meglio nell'atmosfera gotica che regna sotto questi alti pioppi: senza dubbio l'albo di Dampyr "Tre vecchie signore" edito da Bonelli.

Nessun commento:

Posta un commento

Social sharing

Se hai trovato l'articolo utile e interessante, ricorda che puoi seguirci
facendo click su uno di questi bottoni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...